20 Oct 2019 14:53:37
Medicina

Nuova ricerca rivela l'importanza del miroRNA nel ciclo di vita del Papilloma virus

img

Il papilloma virus può causare diversi tipi di cancro nell’uomo, anche se il motivo per cui solo alcuni ceppi del virus causano tumori maligni non è ancora ben chiaro.

Per rispondere a questa domanda, è necessario caratterizzare meglio i prodotti genici del papilloma virus e il loro ruolo nel ciclo di vita di questi patogeni.  I microRNA sono piccole molecole emogene di RNA che regolano diversi processi biologici, comprese le interazioni ospite-patogeno. Di conseguenza, i microRNA sono comunemente codificati da virus che subiscono un'infezione persistente a lungo termine. Ma fino ad ora non erano stati scoperti microRNA codificati con papilloma virus ampiamente accettati, dovuti in parte alla mancanza di modelli di laboratorio adeguati. Per ovviare a questo impedimento, i ricercatori hanno sviluppato una nuova tecnologia chiamata microRNA Discovery GENOME EXPRESSION (miDGE).

Questa tecnica può esaminare numerosi genomi degli agenti patogeni in parallelo, identificando microRNA da organismi privi di coltura in laboratorio. Attraverso l’uso del miDGE, gli scienziati hanno analizzato più di 73 diversi genomi di HPV attraverso la capacità di codificare i microRNA.

I ricercatori hanno scoperto cinque nuovi microRNA altamente codificabili con papilloma virus. Sebbene i microRNA dell’HPV non siano espressi nei tumori associati a infezioni ad alto rischio, alcuni di essi controllano l’espressione genica virale. I risultati suggeriscono che i microRNA siano importanti regolatori del ciclo di vita del papilloma virus.

“L’aspetto più importante di questo lavoro sta nel fatto che la nuova tecnica apre uno studio parallelo di numerosi agenti patogeni in un solo esperimento”, afferma il ricercatore Christopher Sullivan, dell’Università di Austin in Texas, aggiungendo: “ciò ci consente di effettuare profondi confronti evolutivi incrociati. Indizi forniti dallo studio di un virus degli uccelli ci hanno aiutato a capire perché alcune varietà di papilloma virus umano codificano i loro stessi microRNA, e anche, cosa ugualmente rilevante, perché molte altre invece non lo fanno”.

Fonte: Plos Journals