26 Aug 2019 01:48:52
Salute

Riconoscere i segni di un aborto spontaneo senza perdite di sangue

img

Il sanguinamento è uno dei primi sintomi di un aborto spontaneo. Tuttavia, in alcuni casi un aborto può avvenire senza che si riscontri alcun sintomo tra quelli ritenuti convenzionali.

Molte donne preferiscono il termine “perdita di gravidanza” piuttosto che “aborto spontaneo”. Questo evento è più comune nelle prime settimane di gravidanza e il rischio diminuisce costantemente con il progressivo sviluppo del feto.

Quando si verifica la perdita di gravidanza senza sanguinamento?

Il sanguinamento si verifica quando, durante la perdita di gravidanza, l’utero si svuota. Quando invece accade che il feto muore ma l’utero non si svuota, non si verifica alcun sanguinamento.

Secondo l' American Pregnancy Association , la maggior parte delle perdite avvengono entro le prime 13 settimane di gravidanza. Mentre si stima che tra il 10-25% di tutte le gravidanze riconosciute termini con una perdita di gravidanza, una perdita nel secondo trimestre è molto rara.

Molte donne non mostrano sintomi evidenti quando si verifica la perdita, soprattutto se essa avviene nella fasi iniziali della gravidanza.Tuttavia esistono dei segni che lasciano presagire una perdita senza sanguinamento:

-           Un’improvvisa assenza di tutti i segni tipici della gravidanza

-           Test di gravidanza che mostrano un risultato negativo

-           Nausee, vomito e diarrea

-           Mal di schiena

Diagnosi

La maggior parte delle donne cerca un trattamento per la perdita di gravidanza solo quando sperimenta sanguinamento. Se non c'è sanguinamento, il medico può diagnosticare una perdita solo durante un controllo di routine. Il medico può anche sospettare una perdita a causa di altre indicazioni, come una diminuzione dei livelli di ormoni della gravidanza o una diminuzione inusuale di altri segni di gravidanza.

Gli esami del sangue determinano i livelli di ormoni che possono aiutare a valutare la probabilità di una perdita in gravidanza. Per diagnosticare definitivamente una perdita, il medico deve eseguire un'ecografia per verificare la presenza del battito cardiaco del feto.

Il battito del cuore non si sviluppa fino a 6,5-7 settimane di gestazione, quindi l'assenza di battito cardiaco precedentemente a questo momento non indica una perdita. Per confermare l’aborto spontaneo, il medico può scegliere di eseguire nuovi controlli a distanza di alcuni giorni.

Per determinarne il motivo della perdita, si può anche raccomandare alla donna di sottoporsi a test genetici, ulteriori scansioni ecografiche o analisi del sangue.

Le cause

Molte donne temono di essere responsabili della perdita delle loro gravidanze. Nella maggior parte dei casi, ciò non è vero poiché la perdita risulta al di fuori del controllo di una persona.

La causa più comune di una perdita di gravidanza è un'anomalia cromosomica che rende impossibile la sopravvivenza del bambino.Le cause meno comuni includono :

•           infezioni

•           malattia

•           lesioni fisiche

•           anormalità dell'utero o degliorgani riproduttivi

•           condizioni mediche non trattate, come diabete o insufficienza renale

•           polipi o aderenze uterine

•           endometriosi

Trattamento

L'obiettivo del trattamento è quello di rimuovere il feto e il tessuto dall'utero e di prevenire complicazioni, come un'infezione uterina. Esiste una varietà di opzioni di trattamento disponibili e un medico o un'ostetrica saranno in grado di consigliare l'opzione migliore.

Quando la perdita della gravidanza si verifica senza sanguinamento, è spesso consigliato attendere alcune settimane prima di iniziare il trattamento, perché l'utero può svuotarsi da solo. Quando ciò accade, il sanguinamento può avvenire  come conseguenza dell’espulsione del tessuto, processo che di solito dura meno di una settimana, e che può anche causare crampi.

Se l'utero non si svuota, o se una donna non vuole attendere, le opzioni di trattamento più comuni sono l’assunzione di un farmaco che incoraggia il rilascio del feto, o l’applicazione di una procedura chirurgica chiamata dilatazione e curettage. Il medico può raccomandare farmaci antidolorifici per ridurre i crampi associati. Le varietà da banco sono spesso efficaci.

È fondamentale anche considerare la salute psicologica quando si sceglie un corso di trattamento, poiché molte donne avvertono un dolore immenso non soltanto fisico a seguito di una perdita della gravidanza.