18 Jan 2019 15:55:05
Ciao:

    Nessun contatto nella tua lista chat

    Usa il tasto cerca in alto per aggiungere un contatto

Salute

Cancro ovarico. Quali sono i primi sintomi?

img

 

Secondo la National Ovarian Cancer Coalition (NOCC), solo circa il 19% dei casi di cancro ovarico viene diagnosticato nelle fasi iniziali.  Spesso è difficile effettuare una diagnosi precoce perché i sintomi risultano simili a quelli di altre patologie. Chiunque abbia dolori addominali inspiegabili che durano per più di 2 settimane dovrebbe consultare un medico.

A rendere difficile la diagnosi precoce del carcinoma ovarico è anche il fatto che le ovaie sono piccole e localizzate in profondità nell'addome. Il cancro ovarico nelle sue fasi iniziali spesso non presenta alcun sintomo: questi tendono invece a manifestarsi nelle fasi successive, quando la massa tumorale inizia a creare pressione sulla vescica, sull'utero e sul retto. Altri sintomi che possono manifestarsi sono: 

·         gonfiore

·         dolore pelvico o addominale o crampi

·         sensazione di pienezza già all’inizio dei pasti o mancanza di appetito

·         indigestione o mal di stomaco

·         nausea

·         necessità di urinare più frequentemente o urgentemente del normale

·         pressione nella zona lombare o pelvica

·         stanchezza inspiegabile

·         mal di schiena

·         stipsi

·         aumento della circonferenza addominale o il gonfiore addominale

·         dolore durante i rapporti sessuali

·         irregolarità nel ciclo mestruale

·         perdita di peso

Tali sintomi possono essere però ricondotti anche ad altre condizioni meno gravi. Tuttavia, se essi si sviluppano improvvisamente e persistono anche in seguito ai comuni trattamenti, è consigliato rivolgersi a un medico perché potrebbe trattarsi effettivamente di sintomi di cancro alle ovaie.

Fattori di rischio

I fattori di rischio che possono rendere alcune donne soggetti più probabili di sviluppare il cancro ovarico rispetto alla media della popolazione femminile includono:

·         una storia familiare di mammella, dell'ovaio, dell'utero o tumore

·         presenza del gene BRCA1 e BRAC2

·         sindrome di Lynch  

·         obesità

·         assunzione di alcuni farmaci per la fertilità

·         endometriosi

·         l'età (la maggior parte dei casi si sviluppa dopo la menopausa)

Mentre i fattori che possono ridurre il rischio di sviluppare il cancro ovarico sono:

·         essere in gravidanza e allattamento

·         usare farmaci per il controllo delle nascite per via orale per almeno 5 anni

·         aver subito interventi al sistema riproduttivo, come un'isterectomia, la rimozione delle ovaie o la legatura delle tube

Strumenti di diagnosi

I test che i medici utilizzano più frequentemente per rilevare il cancro ovarico nelle fasi iniziali includono:

Ecografia transvaginale (TVUS)

In questo test, un medico inserisce una sonda a ultrasuoni all’interno della vagina. La sonda emette onde ultrasoniche che riecheggiano, producendo un'immagine dell'utero, delle tube di Falloppio e delle ovaie.

Il test può aiutare a identificare potenziali crescite e a determinare se si tratti di crescita solida o di cisti, che sono sacche non cancerose e piene di liquido. Se il medico identifica una crescita solida, probabilmente richiederà una biopsia per determinare se la crescita è cancerogena o benigna (non cancerosa).

Esame del sangue CA-125

L'analisi del sangue CA-125 misura la quantità di proteina CA-125 presente nel sangue. Molte donne con cancro ovarico presentano alti livelli di CA-125 nel sangue. Tuttavia, questa condizione può presentarsi anche nelle pazienti con condizioni meno gravi, come la malattia infiammatoria pelvica (PID) e l'endometriosi.

Non tutte le donne con carcinoma ovarico hanno elevati livelli di CA-125 nel sangue. Secondo l'Ovarian Cancer Research Fund Alliance (OCRFA) , circa l'80% delle pazienti con carcinoma ovarico avanzato ha livelli elevati di CA-125, mentre il 50% sperimenta livelli elevati nelle prime fasi della malattia.

Scansioni di tomografia computerizzata (CT)

Le scansioni TC comportano il passaggio di raggi X speciali attraverso l'addome. Un computer elabora i risultati per creare immagini trasversali che consentono ai medici di vedere sezioni della cavità addominale e del bacino.

Biopsia

Una biopsia comporta l'inserimento di un ago molto sottile nel corpo e il prelievo di una piccola sezione della crescita o della massa, che viene inviata a un laboratorio per verificare la presenza di segni del cancro. I risultati di una biopsia sono un elemento essenziale nell’effettuare una diagnosi definitiva del cancro ovarico.

Metodi di screening e prevenzione

Nonostante gli sforzi di ricerca, attualmente non sono disponibili metodi di screening per rilevare il carcinoma ovarico in pazienti che non presentano sintomi o che non sono presentano particolari condizioni di rischio per lo sviluppo della patologia.

Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza sul nostro sito web. Sfogliando questo sito web, accetti il ​​nostro utilizzo di cookie.